TORTONA

Il tortonese, territorio della zona di Tortona, è estremo lembo della provincia di Alessandria, insinuato tra Lombardia, Emilia e Liguria, da sempre importante crocevia di strade e di genti.
Territorio dal paesaggio variegato: pianura lambita dal Po, morbide colline dai pendii dolci e sconfinati, con versanti assolati disegnati con gioiosa armonia da vigneti, frutteti, campi coltivati, e attraversate da tre torrenti – Curone, Grue, Ossona, – che si congiungono e fondano nella catena montuosa degli Appennini, punto in cui le valli sembrano stringersi idealmente attorno al monumento dedicato al Cristo Redentore posto sulla vetta del monte Giarolo. Da questa vetta nelle giornate di sole lo sguardo può godere di un paesaggio inatteso e straordinario che val dal Monviso al mar Ligure, di cui si può sentire e respirare la brezza. Il tortonese è un’area ricca di storia, cultura, bellezze naturali, sapori e arte in cui si fondano usanze e tradizioni di ben quattro regioni italiane, tre di confine una di appartenenza. In tutto il territorio puoi trovare i segni tangibili di questo patrimonio che va cercato e scoperto percorrendo le sue valli, visitando i suoi antichi borghi e paesi posti sulle colline o a fondovalle

Il Museo del Divisionismo

“Il Divisionismo” è uno spazio museale che si propone di documentare una stagione di grande importanza della cultura artistica italiana tra Ottocento e Novecento attraverso la varietà e l’originalità dei linguaggi pittorici utilizzati non solo dai grandi maestri divisionisti, ma da personaggi che hanno dato voce a culture per così dire periferiche per lungo tempo sottovalutate. Il percorso espositivo risulta incentrato intorno al fertile dialogo tra i diversi interpreti di una tecnica audace che ha saputo rappresentare le istanze di un secolo nuovo: dagli artisti socialmente impegnati degli anni novanta dell’Ottocento fino agli approcci empirici in ambito simbolista e ai primi saggi dei protagonisti della rivoluzione futurista per i quali il divisionismo costituiva il linguaggio della modernità.

Lascia un commento

Your email address will not be published. All fields are required.